La “guerra” delle lampade votive

Una “guerra” che si sarebbe potuta evitare, quella in corso tra la Società che ha in gestione il cimitero di Cerignola,  la Co.Ge.Ci  srl, e le confraternite.

Una diatriba sui cui in molti si sono espressi, dalla maggioranza all’opposizione in seno a Palazzo di Città, in cui gli unici a pagare sono ancora una volta i cittadini.

Il coordinamento delle confraternite ha affisso presso le tombe delle locandine in cui comunica lo spegnimento di tutte le lampade votive. Fanno presente che è stata negata, senza alcuna motivazione, l’installazione di pannelli fotovoltaici, tesa a non produrre aumenti; per tale motivo invitano i cittadini a dotare le tombe dei propri defunti con sistemi alternativi.

Si spera, ovviamente, che prevalga il buon senso e che le parti trovino un immediato accordo, senza indugi e senza attendere l’esito dei giudizi pendenti.

Condividi e seguici
RSS
Seguimi Email
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
YouTube
Instagram