Bonus nido 2019: disponibile il servizio per le domande online

Come noto, la Legge di Bilancio 2019 ha incrementato il bonus a sostegno del reddito delle famiglie di cui all’articolo 1, comma 355, Legge 11 dicembre 2016, n. 232 (c.d. bonus asilo nido), portandolo dalle iniziali 1.000 euro alle attuali 1.500 euro su base annua, per il triennio 2019, 2020 e 2021.

Si tratta, in particolare, di un contributo erogato direttamente dall’Inps a domanda del genitore di un bambino nato o adottato dal 1° gennaio 2016 per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati e di forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

Considerato che detta misura verrà corrisposta secondo l’ordine di presentazione delle domande nel limite di spesa fissato (che per il 2019 è pari a 300 milioni di euro), consigliamo di affrettarsi nel presentare le richieste giacché, nel caso in cui tale limite di spesa venga raggiunto, non saranno prese in considerazione ulteriori domande.

A tal proposito ricordiamo che l’Inps ha recentemente comunicato che, a partire dalle ore 10:00 di lunedì 28 gennaio e sino alle ore 23:59 del 31.12.2019, è attivo il servizio online per richiedere il bonus asilo nido per il 2019.

Modalità di erogazione

Il bonus viene erogato con cadenza mensile, parametrando l’importo massimo di 1.500 euro su 11 mensilità, per un importo massimo di 136,37 euro direttamente al genitore richiedente che ha sostenuto il pagamento, per ogni retta mensile pagata e documentata.

Come detto, il bonus può essere richiesto anche per sostenere le spese relative all’assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche. In questo caso, il richiedente dovrà allegare l’attestazione rilasciata dal pediatra di libera scelta, circa l’impossibilità del bambino di frequentare l’asilo nido per l’intero anno solare di riferimento, a causa di una grave patologia cronica. In questa ipotesi, l’Istituto eroga il bonus di 1.500 euro in un’unica soluzione direttamente al genitore richiedente.

Requisiti

Possono beneficiare del bonus i genitori di un minore nato o adottato dal 1° gennaio 2016 in possesso dei seguenti requisiti:

cittadinanza italiana;

cittadinanza UE;

permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;

carte di soggiorno per familiari extracomunitari di cittadini dell’Unione europea;

carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza dell’Unione europea;

status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria;

residenza in Italia;

relativamente al contributo asilo nido, il genitore richiedente deve essere il genitore che sostiene l’onere del pagamento della retta;

relativamente al contributo per forme di assistenza domiciliare, il richiedente deve coabitare con il figlio e avere dimora abituale nello stesso comune.

Presentazione della domanda

Il genitore richiedente che intende beneficiare della misura è tenuto a specificare nella domanda il tipo di beneficio di cui intende fruire, vale a dire “Contributo asilo nido” ovvero “Contributo per introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione”.

Alla domanda dovrà, inoltre, essere allegata la documentazione che dimostra il pagamento almeno della retta relativa al primo mese di frequenza per cui si richiede il beneficio.

La prova dell’avvenuto pagamento potrà essere fornita tramite: ricevuta, fattura quietanzata, bollettino bancario o postale e, per i nidi aziendali, tramite attestazione del datore di lavoro o dell’asilo nido, dell’avvenuto pagamento della retta o trattenuta in busta paga.

La domanda può essere inoltrata online attraverso l’apposito servizio messo a disposizione dall’Inps o, in alternativa, tramite Contact center ovvero avvalendosi del supporto di enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Condividi e seguici
RSS
Seguimi Email
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
YouTube
Instagram