Il Card. Amato il 14 a Cerignola per il Bicentenario della Diocesi

0
269

Il card. Angelo Amato SdB Legato Pontificio per il bicentenario della Diocesi di Cerignola:appuntamento in Cattedrale il 14 giugno 2019

“Desideriamo andare incontro alle richieste del Venerabile Fratello Luigi Renna, Vescovo di Cerignola-Ascoli nella Puglia, che da Noi con fiducia richiedeva un Padre porporato per celebrare solennemente quella commemorazione, cioè per i duecento anni esatti dalla costituzione della diocesi di Cerignola, mentre auguriamo che sussistano le convenienti odierne condizioni e i salutari propositi, per cui la stessa effonda più ubertosi frutti nel tempo futuro. Per la qual cosa, affinché questo rito si svolga in maniera più mirabile e più efficace, rivolgiamo il pensiero a te, Nostro Venerabile Fratello, che sei illustre figlio di quella regione e con amore ti dedicasti a rendere illustri chiarissime persone, e che ti presenti pienamente idoneo a prestare questo ministero e ad espletarlo in modo eccellente. Perciò, mossi da grandissima affezione, proclamiamo e costituiamo te Nostro Inviato straordinario per compiere quel solenne rito in Cerignola nella Chiesa Cattedrale dedicata al santo Apostolo Pietro nel giorno quattordicesimo del mese di giugno”. Scrive così papa Francesco, nella lettera con cui designa Sua Em. il Card. Angelo Amato SdB, Prefetto emerito della Congregazione delle Cause dei Santi, “Legato Pontificio” per il bicentenario della erezione della arcipretura nullius di Cerignola a sede vescovile. L’appuntamento per la celebrazione eucaristica è fissato in cattedrale, il prossimo 14 giugno 2019, alle ore 19, nel secondo centenario della promulgazione della bolla Quamquam per nuperrimam di papa Pio VII.

A pochi giorni dalle Giornate di Studio – Tra le pieghe della storia. Cerignola da arcipretura nullius a sede vescovile – che, nella prestigiosa sede del Teatro “Mercadante”, il 24 e il 25 maggio scorsi, hanno illustrato e approfondito i diversi aspetti – episcopali e presbiterali, religiosi e laicali – della storia degli ultimi due secoli della Chiesa locale, la celebrazione del prossimo 14 giugno costituirà il “cuore” dell’anno giubilare delle “pietre vive”, voluto dal vescovo Luigi Renna: “Due secoli fa – evidenzia il presule nel messaggio di indizione, distribuito nella giornata del Mercoledì Santo –  precisamente il 14 giugno 1819, Cerignola, da ‘prelatura nullius’, cioè porzione di Popolo di Dio guidata da un arciprete, diveniva Chiesa diocesana, e veniva unita alla Diocesi di Ascoli Satriano, che comprendeva anche i Comuni di Candela, Ortanova, Stornara, Stornarella, Carapelle e Ordona, sotto la guida di un unico pastore, mons. Antonio M. Nappi. Nel 1983, anche Rocchetta Sant’Antonio entrava a far parte della famiglia diocesana. Due secoli di cammino insieme, di grazia di Dio, che ha fatto di noi il Corpo di Cristo che è la Chiesa, l’edificio di pietre vive, il ‘segno e strumento’ dell’intima unione ‘con Dio e tra gli uomini’!”.

Il tempo giubilare, che si protrarrà fino alla Festa di Cristo Re dell’Universo, domenica 24 novembre 2019, costituisce un’occasione propizia offerta ai fedeli per lucrare l’Indulgenza Plenaria alle solite condizioni nella cattedrale di Cerignola, mentre “i malati e tutti coloro che siano impossibilitati a partecipare fisicamente – ha previsto il Vescovo – potranno ugualmente fruire del dono dell’Indulgenza Plenaria, offrendo le loro sofferenze al Signore o compiendo pratiche di pietà”.

Un anno, quindi, caratterizzato da riconciliazione e amore fraterno perché “la Chiesa, Edificio di Dio costituito da pietre vive – continua mons. Renna – sia segno di trasparenza, di unità e di carità per gli uomini e le donne del nostro tempo”, invitando i parroci e i responsabili di associazioni laicali “a vivere giornate giubilari che incrementino in tutti quel ‘sentire cum ecclesia’ che ci fa crescere nell’appartenenza a Cristo e nella testimonianza della carità”, e i religiosi e le religiose “a vivere momenti di riflessione perché il loro carisma si incarni sempre più nella vita ecclesiale diocesana”.