Festa di Santa Giuseppina Bakhita a Tre Titoli

0
325

Sarà il vescovo Luigi Renna, sabato, 8 febbraio 2020, alle ore 16,30, nel Centro Pastorale di Integrazione Umana “Santa Giuseppina Bakhita”, in località “Tre Titoli”, agro di Cerignola, a presiedere la concelebrazione eucaristica per la festa in onore della santa religiosa, organizzata dalla Caritas diocesana, coordinata dal direttore, don Pasquale Cotugno.

«Stiamo cercando di aprire sempre di più il Centro “Bakhita” al nostro territorio – afferma don Cotugno – un centro “aperto” dove poter fare esperienza non solo di servizio, ma anche di prossimità attraverso incontri di integrazione e relazione, assolvendo alla mission della Caritas, caratterizzata da un’azione che è, nel contempo, pedagogica e formativa. In quest’ottica, i volontari in servizio civile di quest’anno hanno contribuito a realizzare l’animazione della festa attraverso alcune attività, declinando così il loro progetto Generatori di pace. “Generare pace” significa contribuire a creare delle relazioni nuove, dove l’altro è il mio compagno di viaggio e non il nemico da abbattere».

Nata in Sudan nel 1869, rapita all’età di sette anni, santa Giuseppina fu venduta più volte e conobbe sofferenze fisiche e morali, che la lasciarono senza un’identità. Furono i suoi rapitori a darle il nome di Bakhita («fortunata»). Nel 1882 fu comprata a Kartum dal console Italiano Calisto Legnani. Nel 1885 seguì quest’ultimo in Italia dove, a Genova, fu affidata alla famiglia di Augusto Michieli e divenne la bambinaia della figlia. Quando la famiglia Michieli si spostò sul Mar Rosso, Bakhita restò con la loro bambina presso le Suore Canossiane di Venezia. Qui ebbe la possibilità di conoscere la fede cristiana e, il 9 gennaio 1890, chiese il battesimo, prendendo il nome di Giuseppina. Nel 1893, dopo un intenso cammino, decise di farsi canossiana per servire Dio che le aveva dato tante prove del suo amore. Divenuta suora, nel 1896 fu trasferita a Schio (Vicenza), dove morì l’8 febbraio 1947 (notizie biografiche da www.santiebeati.it).