Dai dati della Camera di Commercio emerge anche in provincia di Foggia la voglia di fare impresa.

0
155

Gelsomino: la fiducia nel futuro degli imprenditori un segnale di speranza. La CCIAA pronta ad affiancarli negli indispensabili percorsi di innovazione.

Il secondo trimestre 2021, anche in Provincia di  Foggia come nel resto d’Italia, segnala un  ritorno di fiducia negli imprenditori, con una significativa accelerazione delle aperture di nuove attività che portano il numero delle imprese registrate ai livelli pre-covid. Anche se bisognerà aspettare il prossimo anno per poter parlare di ritorno alla normalità e per fare una valutazione completa e attendibile di come la pandemia avrà inciso sul sistema d’impresa del territorio di Capitanata.

Sono queste le prime considerazione che emergono dall’analisi dei dati del secondo trimestre dell’anno del Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Foggia.

Il numeri dicono che in Capitanata al 30 giugno 2021 sono state registrate 1.103 nuove imprese  con un saldo positivo (la differenza tra nuove iscrizioni e imprese cessate) pari a 639 unità, con un tasso di crescita dello 0,88% . Un percentuale leggermente superiore della media nazionale che si è attestata allo 0,74% e in linea con quella della regione Puglia 0,90%.

Provincia Imprese Registrate Iscrizioni 2° trim 2021 Cessazioni 2° trim 2021 Saldo Tasso % di crescita
2° trim 2021
Tasso % di crescita
2° trim 2019
BARI                 148.602 1.969 883 1.086 0,74 0,49
BRINDISI             38.034 597 244 353 0,94 0,71
FOGGIA               73.286 1.103 464 639 0,88 0,55
LECCE                75.944 1.420 523 897 1,19 0,85
TARANTO              50.993 793 309 484 0,96 0,48
PUGLIA 386.859 5.882 2.423 3.459 0,90 0,59

In valore assoluto le imprese registrate alla CCIAA di Foggia, al secondo trimestre di quest’anno, risultano superiori a quelle presenti prima dell’esplosione della pandemia (73.286 contro le 72.469 al 30 giugno 2019). Per una valutazione corretta di questo dato però va considerato che nell’ultimo anno è significativamente calato il numero delle cancellazioni; probabilmente per effetto delle misure di sostegno messe in atto dal Governo.

Per quello che riguarda i diversi settori, appare significativo l’incremento in provincia di Foggia di aziende in agricoltura (+123 nuove iscrizioni). Rilevante anche la ripresa di fiducia nel commercio (86 nuove aziende registrate) e nelle costruzioni, che probabilmente risentono delle opportunità legate ai bonus ristrutturazioni  ed efficientamento energetico.

Dati CCIAA secondo trimestre 2021

Provincia Settore Registrate Iscrizioni Cessazioni non d’ufficio Saldo
FOGGIA  A Agricoltura, silvicoltura pesca 24.903 253 130 123
B Estrazione di minerali da cave e miniere 57 0 1 -1
C Attività manifatturiere 3.798 23 21 2
D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz… 213 1 0 1
E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d… 148 0 0 0
F Costruzioni 7.288 88 49 39
G Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut… 17.314 202 116 86
H Trasporto e magazzinaggio  1.851 16 12 4
I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione  4.442 67 33 34
J Servizi di informazione e comunicazione 728 14 3 11
K Attività finanziarie e assicurative 804 9 5 4
L Attività immobiliari 859 16 6 10
M Attività professionali, scientifiche e tecniche 1.319 27 20 7
N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp… 1.494 15 18 -3
P Istruzione 310 1 3 -2
Q Sanità e assistenza sociale  432 2 1 1
R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver… 678 6 7 -1
S Altre attività di servizi 2.008 19 20 -1
T Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro p… 1 0 0 0
X Imprese non classificate 4.639 344 19 325

Per il presidente dell’Ente Damiano Gelsomino: “il dato più rilevante, al di la dei numeri e dei settori trainanti per l’economia del territorio, è il sostanziale clima di fiducia che sembra attraversare tutto il mondo delle imprese. Questa nuova vitalità deve trovare risposte adeguate da parte delle Pubbliche Amministrazioni e il sostegno dei cittadini-consumatori del territorio che devono credere nelle potenzialità delle nostre aziende. Noi come Camera di Commercio siamo pronti a supportare gli imprenditori negli indispensabili percorsi di innovazione e digitalizzazione necessari per competere, anche con specifiche misure di sostegno.  Quello che è certo è che solo favorendo il consolidamento del locale sistema d’impresa si potranno creare le condizioni per una ripresa economica stabile e duratura in grado di dare una  possibilità di  futuro a questo territorio”.