Dal biogas all’idrogeno, la (in)formazione di Cittadinanzattiva per un territorio a zero emissioni

127

Successo della due giorni organizzata con la Regione Puglia a Cerignola. Valentino: “Sempre al fianco dei cittadini e dei consumatori”.


Cerignola. Si è conclusa ieri, con una grande partecipazione, la due organizzata giorni da Cittadinanzattiva Puglia, grazie al protocollo d’intesa sottoscritto con la Regione, per formare e informare i più giovani sui nuovi modelli sostenibili e sulla produzione di energia pulita. Lunedì 20 novembre gli studenti dell’IISS Pavoncelli di Cerignola hanno visitato l’azienda ArteAgricola, interprete di quell’economia circolare che guarda al contempo all’autosostentamento energetico attraverso un impianto di biogas. L’indomani, le classi quarte e quinte dell’Istituto Agrario hanno partecipato al dibattito “Nuovi modi di produrre rispettosi dell’ambiente e attenti alle esigenze dei consumatori in riferimento alle energie rinnovabili”.

Dopo i saluti del dirigente scolastico dell’IISS Pavoncelli, Pio Mirra, vi è stata la relazione del prof. Giulio Cappelletti del dipartimento Economia e Management dell’Università degli studi di Foggia, che ha illustrato alla platea il ruolo attivo del consumatore nella definizione dei nuovi modelli sostenibili. La dirigente della Regione Puglia – servizio tutela dei consumatori, Giulia Demarco, ha spiegato che “la Regione annualmente attua un piano in favore dei consumatori non già per orientare le loro scelte ma al fine di renderle consapevoli e fondate sulla base della massima informazione”. Per il presidente dell’istituto pugliese Consumo, Emilio Di Conza, “i temi del consumo consapevole e della transizione energetica non riguardano il futuro, ma il nostro presente, e sia la risposta che l’attenzione mostrata dai tanti giovani ci lascia ben sperare”.

Nel corso del convegno Pio Cianci, direttore finanziario della CerichemBiopharm, ha presentato il progetto della nuova centrale a idrogeno pensata per la zona industriale, nei luoghi che furono dell’interporto di Cerignola che oggi torna a nuova vita con un impianto sostenibile.

“È importante parlare dei nuovi modi di produrre- ha commentato Pio Bufano, coordinatore regionale rete consumatori Cittadinanzattiva Puglia- perché c’è bisogno di rispettare le biodiversità. L’altro aspetto da rimarcare è la sinergia, ormai stabile, con il raggruppamento di associazioni quali Codacons, Adusbef, Udicon e Federconsumatori, con le quali condividiamo il comune denominatore del rispetto dell’ambiente attraverso l’utilizzo di energie rinnovabili”.

“Abbiamo fortemente voluto questa iniziativa su tematiche di grande attualità: abbiamo preso a riferimento due aziende come ArteAgricola e Cerichem- ha concluso Matteo Valentino, il segretario regionale di Cittadinanzattiva- che incarnano i valori di un sistema innovativo e rispettoso dell’ambiente. Abbiamo avuto modo di conoscere meglio i meccanismi e i vantaggi delle nuove produzioni di energia ed il risultato è stato più che soddisfacente. I cittadini e i consumatori devono sapere che, anche grazie al PNRR, ci stiamo spostando verso una nuova fase energetica che sarebbe opportuno approfondire, vedere da vicino, analizzare. Il fine è soprattutto quello di avere un territorio pulito e una migliore produzione di ciò che utilizziamo: stiamo facendo passi in avanti in questa direzione e saremo al fianco dei cittadini che vorranno essere formati e informati stando al passo coi tempi”.